Riccardo Braglia


MANTOVA. LA CALENDULA E L’AQUILA


LA NUOVA EDIZIONE DEL LIBRO DI RICCARDO BRAGLIA DA ANNI FUORI COMMERCIO

Dal momento che il viaggio nella città d’arte è un viaggio nello spirito, allora bisogna riconoscere che il carattere distintivo della città d’arte, la sua evocazione e il suo charme è, prima di tutto, una questione di atmosfera. Il fascino di Mantova sono anche le rondini che gridano nei purpurei tramonti d’estate nel cielo di piazza Sordello fra le torri del Castello di San Giorgio e la cupola del Sant’Andrea. Il fascino di Mantova è anche la rosa bianca che sfiorisce, con grazia, nel giardino Pensile. Sarà per la cintura lacustre baluardo alla orribile lebbra edilizia che – da Rimini a Torino quasi senza soluzione di continuità – ha devastato la dolce terra padana. Sarà per il suo felice isolamento, per le implacabili estati e per gli inverni severi. Il fatto è che Mantova, prima di essere città d’arte, è ancora città dell’anima. I tempi moderni non sono riusciti a banalizzarla. Essa è la città di Mantegna e di Pisanello, ma sa ancora essere, per nostra grande fortuna, la città delle rondini e della rosa, come ai tempi in cui D’Annunzio qui ambientò il suo romanzo Forse che sì forse che no. Queste cose Riccardo Braglia le sa molto bene: il suo amore per Mantova è eccentrico ombroso e geloso, come sempre sono i grandi amori. E credo che egli abbia, come me, il gusto un po’ “reazionario” della laudatio temporis acti che è il miglior antidoto allo stolto modernismo di chi vorrebbe i Beauburg dappertutto


Genere Saggistica
Sottogenere Divulgazione
Pagine 84, foto a colori
Formato 24x27, brossura con alettoni
Anno di edizione 2018
ISBN 978-88-85469-46-4
Mantova libro illustrato

Prezzo

25,00 €