Benedetta Maffezzoli


Un piano perfetto


Dalla prefazione di Cesare De AgostiniBasta la parola: avvocato. È solo uno scorcio sul tema, ma sufficiente per rinverdire antichi o giovani ricordi. Sufficiente anche per introdurre un linguaggio da muovere con cautela sulla scacchiera della curiosità: pratiche, atti, fascicoli e via con la facciata e le scale del tribunale ineliminabile dallo sfondo. Il libro è un lento avanzare che talvolta si ripiega su se stesso come se dovesse dar conto di ogni periodo, di ogni frase, di ogni parola. Ma è anche un osservare, un descrivere, uno svelare. Negli studi legali rantola la figura del praticante, vassallo succubo, costantemente tenuto a bagnomaria in attesa di essere assunto. Nasce così la figura dell’esondato legale: assunto, assunto a metà, a un quarto, a un ottavo. Tutto è possibile. Ma il “Piano” si presenta sempre più strategico e continua a procedere verso il traguardo definitivo, infilandosi nei cunicoli delle leggi, degli inchiostri delle arringhe, nei mai compresi “fondi spese” e nei soffioni che Benedetta, strategicamente, inserisce nelle zone più sensibili. Compresi due matrimoni. Nell’ultima parte del libro tutto si prepara perché il racconto cominci a precipitare verso il suo sorprendente finale. E qui che si chiarisce il vero significato di quelle fatali otto lettere che formano la parola “avvocato” che prese così, disgiunte da ogni vassallo, o toga o satellite, si trasformerebbero non in questo o in quell’altro ma nel primordiale “advocatus”, seduto al di là della scrivania, possibile metafora di un piano perfetto.

Ella Filingeri è una ragazza come tante. È giovane, ingenua e testarda. Ha sogni, una spiccata dote per immolarsi sul sacro altare dello studio e un piano perfetto da mettere a punto: diventare avvocato. Sa di dover imparare tanto e sa di avere un albero di pero su cui rifugiarsi per mantenere integri sogni e valori. Con la saggezza di sua madre, l’appoggio del fidanzato Gus e le pillole di saggezza de La Simo, Ella varcherà le porte di Studi Legali e del Tribunale. Avrà la forza di resistere agli scossoni e alle parole del collega Guicciardi. In fondo a lei piace il suo lavoro, perché essere avvocato è un modo per aiutare gli altri. Con la tenacia di chi vuol farcela, scoprirà il vero significato di parole altisonanti come amicizia, impegno, dedizione, lavoro e quanta vita e forza si nascondono dietro a un sogno.

BENEDETTA MAFFEZZOLI è nata a Mantova nel 1973. Avvocato con la passione per la scrittura, ha ideato www.nuvoleegomitoli.wordpress.com, la sua isola felice. Ha pubblicato: Scrivimi! (Sartori, 2003), La musica di Emma (Sartori, 2004), Alex Fangio (Robin, 2007), Correva l’anno ed io divenni il caso (Statale, 2011), Un caso potenzialmente problematico (Il Rio, 2016).


Genere Narrativa
Sottogenere Satira/Comico
Pagine 176
Formato 15x21, brossura con alette
Anno di edizione 2018
ISBN 978-88-85469-69-3
Avvocato Studio legale Sogni Cambio vita

Prezzo

15,00 €


Titoli del momento

Minimalia

Narrativa


Prezzo 12,00

Cattive storie

Narrativa


Prezzo 14,00

ANTONIO MARIA VIANI ARCHITETTO

Saggistica


Prezzo 35,00

PUNTI DI INCONTRI

Narrativa


Prezzo 14,00

MADE IN ITALY

Narrativa


Prezzo 12,00