Giulio GirondiStefano Abelli


ANTONIO MARIA VIANI ARCHITETTO


A sette anni dall’uscita della prima edizione, questo libro prova di nuovo a fare il punto sul ruolo di architetto che Antonio Maria Viani ricoprì a Mantova al passaggio tra Cinque e Seicento, mentre la famiglia Gonzaga raggiungeva il proprio apice, seguito dalla rovinosa crisi dinastica che culminerà nel sacco del 1630. A partire dalla nascita cremonese e dalla formazione a Monaco di Baviera, quali furono le coordinate culturali alla base dei vari linguaggi portati avanti da Viani? Quali gli scambi, le derivazioni e le influenze con i contesti artistici dell’Italia del tempo? Queste sono tra le domande a cui, tra analisi documentarie e letture delle fabbriche, si prova se non a dare una risposta perlomeno a indicare piste di ricerca, tra vie già battute e nuove proposte.

GIULIO GIRONDI (Mantova, 1983) è architetto, dottore di ricerca e ha completato una borsa di post-dottorato. Direttore editoriale de Il Rio Edizioni, ha all’attivo numerose pubblicazioni – principalmente di storia dell’architettura e con una prevalenza di tematiche mantovane – tra monografie, articoli in riviste, cataloghi di mostre e atti di convegni. Nel 2019 ha vinto la sezione saggistica del Premio Città di Sarzana con il libro Architettura come atto d’amore: storie di principi e architetti nel Rinascimento.


Genere Saggistica
Sottogenere Storia dell’architettura
Pagine 404
Formato 16,8x24 brossura con alette
Anno di edizione 2020
ISBN 9788832293838
Mantova Cremona Roma Milano Rinascimento Barocco Manierismo

Prezzo

35,00 €


Titoli del momento

LA GONZAGA

Saggistica


Prezzo 20,00

ADELAIDE INNAMORATA

Narrativa


Prezzo 14,00

IN RICORDO DI RENATO BERZAGHI

Saggistica


Prezzo 25

LA CLINICA DEI MISTERI

Narrativa


Prezzo 15,00

VITE DIFFERENZIALI

Narrativa


Prezzo 14,00