Casa Cavazzi - Sede legale
via XX Settembre, 17
46100 Mantova

CASA CAVAZZI

Documenti d'archivio riportano che un certo Bartolomeo Cavazzi risiedeva nella contrada del Cavallo, l'area posta immediatamente a sud del Rio, nel 1474. Molto probabilmente viveva nel palazzo patrizio oggi sede della nostra casa editrice, come testimoniano gli affreschi nell'andito d'ingresso: uno stemma gentilizio della famiglia Cavazzi – databile agli anni '60 o '70 del Quattrocento – ed i resti di un monogramma recante due lettere, forse una C ed una B. Probabilmente Bartolomeo riadattò un edificio più antico, come i resti di alcune finestre archiacute suggeriscono, ma l'aspetto attuale del palazzo risale ad un momento più tardo e fu certamente opera di un secondo Bartolomeo Cavazzi, nipote del primo, nato nel 1498 e morto nel 1578 all'età eccezionale per l'epoca di ottant'anni.

Questo Bartolomeo fu uno dei personaggi più in vista della Mantova di allora: rettore nella vicina chiesa di Sant'Egidio, fu il primo abate della basilica palatina di Santa Barbara, la chiesa ducale eretta nel cuore della reggia dei Gonzaga dall'architetto Giovanni Battista Bertani per volontà del temutissimo duca Guglielmo, suo personale amico.

Torna su